SARRI: “IN ITALIA OBBLIGATI A VINCERE, LA CHAMPIONS INVECE È UN SOGNO”

sarri conferenza stampa lione juventus

Maurizio Sarri ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di Lione-Juventus assieme a Leonardo Bonucci. Il mister bianconero è stato subito interpellato sulla questione del momento, ovvero il coronavirus: “l virus è un problema europeo, non italiano – esordisce Sarri – In Italia abbiamo un certo numero di positivi ma in Francia sono stati fatti molti meno tamponi. Ritengo che i nostri tifosi hanno tutto il diritto di essere qui. C’è un problema e tutti hanno il dovere di cercare di contenerlo e di risolverlo”.

Passando alla questione strettamente calcistica, il tecnico della Juventus ribadisce che l’obiettivo numero uno sia lo scudetto, mentre la Champions rimane un sogno: insomma, parole e musica già sentite gli anni passati con Massimiliano Allegri. “Sentiamo più il peso della responsabilità a livello italiano e sentiamo l’obbligo di centrare gli obiettivi – continua – In Europa ci sono squadre con una potenza superiore alla nostra. In Europa siamo tra le 10-12 squadre che hanno obiettivo sogno. La Champions è un sogno, per il panorama del calcio italiano è un sogno difficilissimo, in vent’anni siamo stati superati da diversi movimenti calcistici. Essendo un obiettivo “sogno” siamo molto fortunati a poterlo inseguire. Se lo raggiungi è un’estasi”.

Il Lione è sulla carta inferiore ai bianconeri, ma guai a sottovalutare Rudi Garcia e i suoi ragazzi: “Il Lione è una squadra tecnica con elementi di grande accelerazione e fisicità. È una squadra pericolosa – insiste l’allenatore della Juve – perciò dobbiamo per forza fare una prestazione di grande livello. Abbiamo un centrocampo variegato, servirà dinamismo in uno dei tre”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *