Tutti gli articoli di Bala

Lazio, Immobile è (quasi) un marito modello: Jessica racconta la verità

Lazio, Immobile è (quasi) un marito modello: Jessica racconta la verità

I due sono i protagonisti di un video divertente messo su Instagram: aspettative vs realtà. Ciro non lascia sola la PlayStation…

ROMA – Giocano, scherzano e si amano tanto Ciro Immobile e la sua Jessica. La moglie dell’attaccante della Lazio ha postato su Instagram un video tutto da ridere: aspettative vs realtà. Ovvero: come dovrebbe essere un marito modello, come invece è nella vita reale.

Ciro nella prima parte del video aiuta a cucinare, vede un film con la moglie, fa le pulizie di casa. E poi? Quando Jessica prova ad entrare nella saletta PlayStation, area privata del bomber biancoceleste, viene subito cacciata via. Ciro ha commentato amaro“Devo mettere una serratura a quella porta, entri troppo facilmente”. La PlayStation prima di tutto, poi il resto.

Coronavirus, Commisso e la Fiorentina donano 250 mila euro

Coronavirus, Commisso e la Fiorentina donano 250 mila euro

Il club “nel contesto di una crisi sanitaria senza precedenti a causa della pandemia legata al Covid-19, compie un piccolo passo per aiutare l’Italia e, in particolare modo l’area metropolitana” del capoluogo toscano

FIRENZE – “La Fiorentina, nel contesto di una crisi sanitaria senza precedenti a causa della pandemia legata al COVID-19, compie un piccolo passo per aiutare l’Italia e, in particolare modo l’area metropolitana di Firenze“.

Questa la nota del club viola che sul proprio sito internet fa sapere di aver lanciato “la raccolta fondi ‘FORZA E CUORE’ con l’obiettivo minimo di raggiungere la cifra di 500.000 euro e il presidente Rocco Commisso, sua moglie Catherine e suo figlio Giuseppe hanno gia’ dato il via oggi, in prima persona, a questa iniziativa donando direttamente alle due realtà individuate sul territorio toscano la cifra totale di 250.000 euro. L’augurio – sottolinea la società – è che tutta la grande Famiglia Viola, dai dirigenti e calciatori, ai dipendenti, gli sponsor, i partner, i tifosi e tutti i nostri amici siano incoraggiati a partecipare a questa campagna lanciata dalla nostra amata Fiorentina“.

HIGUAIN, IL FRATELLO SICURO: “IN ITALIA O JUVENTUS O NIENTE”

higuain agente juventus

Gonzalo Higuain tornerà ad essere dal 1° luglio un calciatore della Juventus. Dopo i sei mesi deludenti al Milan, il 31enne attaccante argentino ha fatto flop anche al Chelsea, dove è finito persino fuori dalla grazie di Maurizio Sarri. Suo mentore per tanti anni, il tecnico ora principale indiziato di sostituire Allegri sulla panchina bianconera, gli ha preferito spesso e volentieri il francese Giroud. Un problema in più per la Juve, che deve cercare di piazzare il Pipita per 36 milioni di euro, altrimenti rischierà una minusvalenza a bilancio.

Oggi la Gazzetta dello Sport ha parlato di un possibile scambio con la Roma per Manolas, ma Nicolas Higuain esclude qualunque altra destinazione italiana che non sia la Juventus.

“Alla Juventus il suo rendimento è stato buono, l’esperienza di giocare in un’altra squadra in Italia non è una soluzione praticabile – dichiara il fratello-agente del Pipita a Radio Marte – . Non voglio mancare di rispetto a nessuno, ma Gonzalo se giocherà ancora in Italia, lo farà solo alla Juventus. […] Un suo ritorno al River? Penso sia prematuro: una volta ricaricate le batterie sarà all’altezza della Juventus. Pentito di aver lasciato Napoli? Non ne ho mai parlato con Gonzalo, ma al di là del discorso clausola, pagata dalla Juve, ci siamo detti che dovevamo guardare solo avanti. Il suo mestiere è il calciatore, riteniamo di non aver fatto del male a nessuno. Il calcio è questo, e ci sta anche la passione: i tifosi possono dire quello che vogliono e reagire come credono. Del resto anche noi in Argentina abbiamo queste reazioni davanti a determinate scelte”.

Insomma, al momento Gonzalo è in vacanza ed è pronto a ricominciare ad allenarsi alla Continassa. Bisogna vedere, però, quale sarà l’accoglienza della Juventus, che sembra avere altri piani per il futuro. Oltre che alla Roma, secondo radio mercato, Higuain sarebbe stato offerto alla Fiorentina: “Roma e Fiorentina? Vorrei chiarire che a noi non è stato comunicato nulla”, ribadisce il fratello.

MANDZUKIC, QUANTE RICHIESTE: OLTRE ALLO UNITED CI SONO DUE CLUB ITALIANI

mandzukic milan inter

Mario Mandzukic, nonostante non sia più un ragazzino, ha già diverse offerte in vista del calciomercato invernale. Il centravanti croato, 33 anni, è stato ormai messo alla porta dalla dirigenza della Juventus e sembra si sia pentito lui stesso di aver rifiutato tutte le proposte ricevute in estate. Fuori rosa praticamente dall’inizio della stagione, Mandzukic ha rifiutato anche le ricche offerte giunte dal Qatar a fine settembre. Da giorni si parla di un accordo di massima con il Manchester United, dove potrebbe ritrovare gli “amici” Allegri ed Evra, ma nelle ultime ore sono circolate nuove indiscrezioni.

Mandzukic piace alle milanesi

Secondo la Gazzetta dello Sport, anche l’Inter si sarebbe messa sulle tracce dell’ex Bayern Monaco, perché Antonio Conte continua a chiedere a Beppe Marotta una prima punta dalle caratteristiche simili a Romelu Lukaku. Il Giornale, invece, sostiene che alla Continassa abbia bussato anche il Milan, deluso dallo scarso rendimento di Piatek. Insomma, entrambe le milanesi gradirebbero approfittare dell’uscita di Mandzukic dalla Juventus, ma da Torino trapela una posizione abbastanza chiara: sì, eventualmente, alla trattativa con il Milan; no secco all’Inter, diretta concorrente per lo scudetto.

L’ultima parola spetterà ovviamente a Mandzukic, ma dalla sua cessione il club bianconero conta di incassare almeno 11 milioni di euro e fin qui la proposta più allettante sembra essere quella del Manchester United.

SPAL-JUVE LA PRIMA E L’ULTIMA CONTRO, FRA LE FOLLIE ITALIANE

spal juventus follie italiane

Ho visto una Juventus in crescita contro la Spal, una Juve che ha tirato in porta con maggior frequenza e che ha saputo gestire bene le situazioni di ”sofferenza” createsi principalmente nei primi minuti e dopo il gol loro. Non ci sono partite facili in Italia, soprattutto in trasferta e soprattutto se ti chiami Juventus. Non c’è molto altro da analizzare. Una buonissima partita da parte del reparto offensivo. Buone notizie anche da BentancurCuadrado e Ramsey. Per gli altri più o meno una normale amministrazione e tre punti in saccoccia che fanno bene. La partita è stata vinta con merito e con risultato anche meno ampio di come si doveva. A questo punto analizzerei due cose che sono successe e che secondo me non dovevano succedere.

Spal-Juve: il primo rigore dato con la VAR rotta

La prima è stato il rigore dato al VAR con la VAR non funzionante. Sono con il nostro mister, la logica imporrebbe che se viene chiamata la VAR e se questa non funziona la decisione dovrebbe restare quella dell’arbitro. Se decide il Var scavalcando l’arbitro, ha ragione Sarri: allora facciamo arbitrare il Var direttamente. Sono convinto anche io come Maurizio che a parti invertite, ovvero un rigore dato alla Juve con il Var non funzionante sarebbe stato preso come uno scandalo. Detto che il rigore era giusto ed è meglio così che lo abbia dato, ma la prassi in merito lascia molte perplessità. Inoltre, vorrei sottolineare come ogni volta che si chiama il Var, al 90% viene presa la decisione contro la Juventus. Anche a Ferrara l’ennesimo gol annullato per fuorigioco di un capello, eppure su altri campi queste linee non sono state cosi precise. Fra l’altro, la Juve con Lecce Toro e Udinese è la squadra che ha avuto più rigori contro, ben 9. Credo che sia un record mondiale che la squadra prima in classifica sia anche quella con più rigori contro. Fra l’altro, le nostre avversarie Inter e Lazio entrambe hanno avuto solo 3 rigori contro. Noi quasi il triplo. Ma il top è stato Milan-Juventus di coppa Italia in cui un arbitraggio spudoratamente pro Milan è diventato per l’opinione pubblica un arbitraggio pro Juve dopo aver concesso un rigore sacrosanto per un mani grosso come una casa, con i milanisti che ancora oggi si sentono defraudati dopo che avrebbero dovuto finire in 9 ed era stato negato un altro rigore su Cuadrado.

NIKE, LE TRE MAGLIE DELL’INTER 2019/20

Dopo tanti leak online che ne hanno anticipato l’uscita, Nike svela ufficialmente la nuova maglia home dell’Inter. A presentarla le ragazze dell’Inter, neo promosse in Serie A. Ecco le nuove maglie Inter 2019 2020.

Maglie Inter 2019 2020 | La divisa home

Le nuove maglie di casa dell’Inter per la stagione 2019/20 presentano importanti novità rispetto agli ultimi anni: le strisce nerazzurre verticali di una tonalità più chiara, simile alla divisa del 2006 2007, vengono interrotte all’altezza dello sponsor Pirelli, da 8 strisce diagonali nere e azzurre.

Un allontanamento dalla tradizione che inizialmente è stato poco apprezzato dai tifosi interisti ma che una volta uscite le prime foto ufficiali ha trovato parecchi pareri favorevoli. L’ispirazione per questa maglia è la maglia away che i nerazzurri hanno indossato nella stagione 1989-1990.

Maglie Inter 2019 2020 | I dettagli

Il Logo dell’Inter spicca sulla divisa grazie al bordino in rilievo, mentre all’interno della maglia è presente un dettaglio che sottolinea il legame con la città di Milano e un omaggio alla tradizione del club: la Croce di San Giorgio arricchita dalla scritta “Internazionale”, da una stella e dal“1908” in onore all’’anno di fondazione dell’Inter.

Completano la divisa pantaloncini neri e calzettoni nerazzurri spezzati da una striscia orizzontale bianca. Gli sponsor rimarranno gli stessi: Pirelli sul fronte, in prossimità proprio delle strisce diagonali, e Driver sulla parte bassa del retro della divisa.

Acquisto maglie a poco prezzo online,maglia Inter replica personalizzate,per fornire il miglior servizio al prezzo più basso. Benvenuti a questo acquisto.

Da Ibra ad Askildsen, un altro mondo è sbarcato in Serie A

Yoshida (Samp) in Giappone è più famoso di Messi Pronti all’uso Tameze e Pereiro. E occhio a Dominguez

D i Ibra e Eriksen sappiamo già tutto, ma il gennaio di affari ha regalato alla Serie A un boom con trenta volti più o meno nuovi arrivati dall’estero. Va di moda il pronto all’uso: l’Inter ha fatto spesa grossa in Premier e insieme al danese sono atterrati a Milano due rinforzi d’esperienza come Young e Moses. Stesso vale per l’Ibra “iz back” coniato per il grande rientro in rossonero dello svedese, diventato una stella anche a Hollywood coi Galaxy.

ORSOLINI TORNA ALLA JUVENTUS: ACCORDO CON IL BOLOGNA PER IL CONTRORISCATTO

In estate Orsolini tornerà alla Juve per 26 milioni di euro

orsolini juventus bologna controriscatto

La Juventus ha deciso di riportare a casa Riccardo Orsolini: lo scrive oggi il Corriere di Torino. Il 23eenne attaccante esterno di Ascoli Piceno, dopo la parentesi non esaltante all’Atalanta, è giunto a piena maturazione quest’anno con la maglia del Bologna. Merito soprattutto di mister Mihajlovic, che è riuscito a motivarlo e impiegarlo come nessun altro negli ultimi anni. In questa stagione, Orsolini ha collezionato tra campionato e Coppa Italia 24 presenze, condite da 7 gol (17 reti nell’ultimo anno e mezzo) e 5 assist. Uno score di tutto rispetto e che avrebbe convinto Fabio Paratici a farlo rientrare nella rosa bianconera.

Acquistato dall’Ascoli a gennaio del 2017 per 6 milioni più 4 di bonus, Orsolini è rimasto fino al termine di quella stagione in Serie B nelle Marche. Nel campionato successivo è stato girato in prestito all’Atalanta, ma sotto la guida di Gian Piero Gasperini il ragazzo ha trovato pochissimo spazio, da qui la decisione di spostarlo a Bologna a gennaio 2018. Inizio in salita in rossoblu, ma il club emiliano ha creduto molto nel ragazzo che è cresciuto rapidamente e la ha deciso di riscattarlo al termine della passata stagione spendendo l’estate scorsa qualcosa come 15 milioni di euro (11 milioni di euro di plusvalenza per Paratici).

Diretta Fiorentina-Atalanta ore 15: probabili formazioni e dove vederla in tv

I viola ricevono la formazione di Gasperini per il 23° turno del campionato di Serie A

Diretta Fiorentina-Atalanta ore 15: probabili formazioni e dove vederla in tv

FIRENZE – La Fiorentina ospita l’Atalanta al Franchi per il turno 23 di Serie A. La formazione viola ha perso in casa della Juventus nell’ultimo turno dopo 4 risultati utili in campionato ed è in 14esima posizione in classifica con 25 punti. In casa, ha collezionato solo tre vittorie su 11 partite, con 4 pari e 4 sconfitte. L’Atalanta, invece, è quarta con la Roma a quota 39 ed è stata fermata dal Genoa (2-2 a Bergamo) dopo la vittoria incredibile sul campo del Torino. La squadra di Gasperini ha un ottimo rendimento esterno, con un solo ko in 11 trasferte.

Fiorentina-Atalanta, diretta tv e streaming

La partita tra Fiorentina e Atalanta è in programma alle ore 15 allo stadio Franchi di Firenze e sarà visibile in diretta tv su Sky Sport Serie A e Canale 251. La diretta streaming sarà disponibile sulla piattaforma Skygo.

Le probabili formazioni di Fiorentina-Atalanta

FIORENTINA (3-5-2): Dragowski; Milenkovic, Pezzella, Igor; Lirola, Benassi, Pulgar, Castrovilli, Dalbert; Cutrone, Chiesa. Allenatore: Iachini

ATALANTA (3-4-1-2): Gollini; Toloi, Palomino, Djimsiti; Castagne, Pasalic, Freuler, Gosens; Gomez; Ilicic, Zapata. Allenatore: Gasperini

ARBITRO: Mariani di Aprilia

LE MAGLIE DELL’HELLAS VERONA PER LA SERIE A 2019-2020

“Tutta un’Altra storia” è il claim scelto dall’Hellas Verona per lanciare le nuove maglie 2019-2020 che segnano il ritorno in Serie A. Una collezione che mantiene i colori più fedeli alla storia del Verona e riprende, sulla terza maglia, lo stemma anni ’80.

Presentazione maglie Hellas Verona 2019-2020

Prima maglia Hellas Verona 2019-2020

La maglia casalinga è blu con una serie di righe verticali tono su tono. Il colletto è giallo alla coreana con apertura a ‘V’, all’interno cela la scritta “Per sempre gialloblù”. Blu sono pure i pantaloncini e i calzettoni, entrambi sono finiture gialle.

Seconda maglia Hellas Verona 2019-2020

Nella maglia da trasferta, gialla con inserti blu su colletto a girocollo, spalle, maniche e bordo inferiore, le righe tono su tono diventano orizzontali e più fitte.