Coronavirus, la Roma distribuisce 13mila mascherine agli ospedali della capitale

Coronavirus, la Roma distribuisce 13mila mascherine agli ospedali della capitale

Sia l’ospedale Sant’Andrea che il Policlinico Tor Vergata hanno anche preso in consegna 60 flaconi di disinfettante per le mani ciascuno

ROMA – La Roma ha cominciato a distribuire i materiali di prima necessità agli ospedali della capitale, nell’iniziativa di supporto alle strutture che stanno contrastando il Coronavirus.

Nella giornata di martedì, la società ha consegnato 13.000 mascherine FFP2 a: Centro di emergenza Ares 118, Policlinico Umberto I, Columbus-Gemelli, Policlinico Tor Vergata, Ospedale Sant’Andrea e Istituto Spallanzani.

Sia l’ospedale Sant’Andrea che il Policlinico Tor Vergata hanno anche preso in consegna 60 flaconi di disinfettante per le mani ciascuno. Lunedì saranno consegnate altre 12.000 mascherine FFP3 e venerdì veranno distribuite 1.500 mascherine FFP3. L’Italia rimane la nazione più colpita al di fuori della Cina dall’epidemia da COVID-19, con oltre 28.000 casi confermati e più di 2.800 vittime.

Lazio, Immobile è (quasi) un marito modello: Jessica racconta la verità

Lazio, Immobile è (quasi) un marito modello: Jessica racconta la verità

I due sono i protagonisti di un video divertente messo su Instagram: aspettative vs realtà. Ciro non lascia sola la PlayStation…

ROMA – Giocano, scherzano e si amano tanto Ciro Immobile e la sua Jessica. La moglie dell’attaccante della Lazio ha postato su Instagram un video tutto da ridere: aspettative vs realtà. Ovvero: come dovrebbe essere un marito modello, come invece è nella vita reale.

Ciro nella prima parte del video aiuta a cucinare, vede un film con la moglie, fa le pulizie di casa. E poi? Quando Jessica prova ad entrare nella saletta PlayStation, area privata del bomber biancoceleste, viene subito cacciata via. Ciro ha commentato amaro“Devo mettere una serratura a quella porta, entri troppo facilmente”. La PlayStation prima di tutto, poi il resto.

Coronavirus, positivo dirigente dell’Entella

Coronavirus, positivo dirigente dell'Entella

Il club: “Le sue condizioni sono buone e non ha più febbre. Ricovero non è stato necessario”

CHIAVARI – Il Coronavirus continua a contagiare persone, e il mondo del calcio non ne è esentato. Ecco il comunicato con cui l’Entella rende nota la positività al virus di un suo dirigente: “La Virtus Entella comunica che un dirigente della società è risultato positivo al Covid-19. La società sta attivando in queste ore tutte le procedure di isolamento previste dalla normativa. Le sue condizioni sono buone e non ha più febbre. Non è stato necessario il ricovero”.

Il Brescia risponde all’AIAC: “Attinto a ogni risorsa per allenamenti individuali”

Il Brescia risponde all'AIAC:

Il club “per tutelare la salute di tutti garantirà il rispetto di tutte le misure di sicurezza indicate dal Decreto Ministeriale relativo ai comportamenti da tenere sul posto di lavoro”

BRESCIA – Dopo l’attacco dell’Aiac di Ulivieri al Brescia, il club di Cellino risponde con un comunicato ufficiale alle accuse rivoltegli dall’Assoallenatori: “Brescia Calcio tiene a precisare che la convocazione per la giornata di domani, mercoledì 18 marzo 2020, presso il Centro Sportivo di Torbole Casaglia è stata inoltrata ai tecnici di base a contratto, tra cui collaboratori tecnici e preparatori atletici. Tale convocazione non è stata mandata ne ai primi ne ai secondi allenatori sollevati dal loro incarico nel corso di questa stagione.

La ragione della convocazione è data dal fatto che, considerata la situazione sanitaria in corso, già da qualche settimana era stata fatta una valutazione in merito alla possibilità di prevedere una programmazione dell’attività con allenamenti a singolo giocatore o al massimo a gruppi di due giocatori, frazionati nella giornata e distribuiti su tutta la superfice del Centro Sportivo. Nell’ottica di programmare una simile attività e con l’intento di garantire la massima sicurezza dei propri atleti e tesserati, è stato ritenuto opportuno attingere a tutte le risorse possibili, tra il personale sotto contratto con Brescia Calcio. Brescia Calcio precisa infine che in vista dell’incontro di domani, per tutelare la salute di tutti, garantirà il rispetto di tutte le misure di sicurezza indicate dal Decreto Ministeriale relativo ai comportamenti da tenere sul posto di lavoro”.

Acquisto maglie calcio online,maglia Brescia replica personalizzate,per fornire il miglior servizio al prezzo più basso. Benvenuti a questo acquisto.

Verona, Zaccagni positivo al Coronavirus

Verona, Zaccagni positivo al Coronavirus

Lo comunica l’Hellas con una nota sul sito ufficiale. Il giocatore sui social: “Vi rassicuro dicendo che sto bene”

VERONA – Mattia Zaccagni è positivo al Coronavirus. Il centrocampista del Verona si aggiunge alla lista dei giocatori di Serie A contagiati dal Coronavirus. E’ proprio l’Hellas ad annunciarlo con un comunicato sul sito ufficiale. “Hellas Verona FC comunica che Mattia Zaccagni è stato sottoposto ad esami medici che hanno evidenziato la sua positività al Coronavirus-COVID-19. Il calciatore, così come tutta la squadra, prolungherà il già attivato isolamento volontario domiciliare sino al prossimo 25 marzo, continuando ad essere monitorato. Zaccagni sta bene: nei giorni scorsi ha avuto solo qualche linea di febbre” è il comunicato apparso sul sito ufficiale dell’Hellas Verona.

“Volevo ringraziare tutti voi per l’affetto ricevuto in questo delicato momento! Vi rassicuro dicendo che sto bene e torneremo presto a gioire tutti insieme!!!”. Così con un post su Instagram il centrocampista del Verona Zaccagni, risultato positivo al Coronavirus. Il giocatore, come i suoi compagni di squadra, è in isolamento domiciliare.

Coronavirus, il Lione alla Juve: “A presto!”. La risposta: “Sarà una grande partita”

Coronavirus, il Lione alla Juve:

Dopo la positività di Matuidi, il club francese esprime solidarietà nei confronti del club bianconero, avversario negli ottavi di finale di Champions League. Immediata la replica su Twitter

LIONE (Francia) – “Stasera avremmo avuto un incontro a casa tua. È solo parzialmente rinviato. L’Olympique Lione offre supporto e solidarietà a tutti coloro che amano la Juventus e più in generale a tutti i nostri amici transalpini”, seguito, in perfetto italiano, da un “A presto Amici!” e dall’hashtag #distantimauniti. È il messaggio pubblicato dalla società francese, avversaria dei bianconeri in Champions League (si sarebbe svolto stasera, in condizioni normali, il ritorno degli ottavi di finale), sul proprio account Twitter. Il post arriva a poca distanza dalla notizia della positività al Coronavirus di Blaise Matuidi ed  è praticamente immediata la risposta della Juventus: “Merci Lione. Ci vediamo presto. Sarà una grande partita e non vediamo l’ora!“, il tweet bianconero con stretta di mano finale ed il medesimo hashtag.

Coronavirus, Commisso e la Fiorentina donano 250 mila euro

Coronavirus, Commisso e la Fiorentina donano 250 mila euro

Il club “nel contesto di una crisi sanitaria senza precedenti a causa della pandemia legata al Covid-19, compie un piccolo passo per aiutare l’Italia e, in particolare modo l’area metropolitana” del capoluogo toscano

FIRENZE – “La Fiorentina, nel contesto di una crisi sanitaria senza precedenti a causa della pandemia legata al COVID-19, compie un piccolo passo per aiutare l’Italia e, in particolare modo l’area metropolitana di Firenze“.

Questa la nota del club viola che sul proprio sito internet fa sapere di aver lanciato “la raccolta fondi ‘FORZA E CUORE’ con l’obiettivo minimo di raggiungere la cifra di 500.000 euro e il presidente Rocco Commisso, sua moglie Catherine e suo figlio Giuseppe hanno gia’ dato il via oggi, in prima persona, a questa iniziativa donando direttamente alle due realtà individuate sul territorio toscano la cifra totale di 250.000 euro. L’augurio – sottolinea la società – è che tutta la grande Famiglia Viola, dai dirigenti e calciatori, ai dipendenti, gli sponsor, i partner, i tifosi e tutti i nostri amici siano incoraggiati a partecipare a questa campagna lanciata dalla nostra amata Fiorentina“.

Lazio, ripresa degli allenamenti fissata per lunedì

Lazio, ripresa degli allenamenti fissata per lunedì

I biancocelesti torneranno a Formello per riprendere l’attività sportiva, il comunicato del club

ROMA – Dopo alcuni giorni di stop dovuti all’emergenza Coronavirus, la prossima settimana riprenderà l’attività sportiva della Lazio. La società biancoceleste, infatti, ha reso noto che gli uomini di Inzaghi torneranno ad allenarsi all’interno del Centro Sportivo di Formello lunedì 23 marzo.  “Dopo alcuni giorni di stop, riprenderà a breve l’attività sportiva della Prima Squadra della Capitale. I biancocelesti torneranno a lavorare all’interno del Centro Sportivo di Formello nella giornata di lunedì prossimo, 23 marzo” è il comunicato pubblicato dalla Lazio sul sito ufficiale. Lunedì, i ragazzi di SImone Inzaghi riprenderanno gli allenamenti a Formello.

LE MAGLIE NEW BALANCE DELL’INTER IMMAGINATE DA RUPERTGRAPHIC

Negli ultimi mesi sono state tante le voci riguardanti lo sponsor tecnico dell’Inter della stagione 2020 2021. Il contratto tra il biscione e Nike è giunto alla sua conclusione, sugellata da una maglia mashup speciale che ha celebrato i 20 anni della partnership.

Una divisa molto particolare che doveva esser dedicata solo al Derby di Milano ma che poi abbiamo visto più volte in campo, oltre che in giro per la città, indossata durante la Milano Fashion Week.

Ma oggi siamo qui per discutere dei rumors che parlano di un possibile accordo tra New Balance e Inter per la stagione 2020 2021. Come vedreste il brand americano sul petto dei nerazzurri? Il Designer Rupertgraphic nei mesi (e anni) passati ha proposto diverse possibili maglie dell’FC Internazionale accompagnate dal marchio NB. Ecco alcune maglie dell’Inter targate New Balance!

Acquisto maglie calcio online,maglia Inter replica personalizzate,per fornire il miglior servizio al prezzo più basso. Benvenuti a questo acquisto.

RABIOT IN ITALIA: “JUVE? SÌ, STIAMO PARLANDO”

rabiot juve

Adrien Rabiot, uno degli obiettivi di mercato della Juventus per la stagione 2019-2020 è in vacanz in Italia. Si trova per la precisione a Porto Ercole, sul promontorio dell’Argentario, in Toscana. Con lui la mamma-agente, Véronique e i due fratelli, Douch e Geoffroy. La sua presenza nel Bel Paese ha alimentato inevitabilmente i rumors che lo accostano ai campioni d’Italia, considerato che ormai tra 16 giorni scadrà l’ultimo anno di contratto che lo lega al Paris Saint Germain.

Fabio Paratici ha incontrato la signora Rabiot già in un paio di occasioni, ma le parti sono rimaste distanti. Per il centrocampista francese, infatti, chiede uno stipendio da 10 milioni l’anno e una corposa commissione. Per il momento, però, i bianconeri non sembrano rispondere positivamente alla richiesta: se abbasserà le pretese, si arriverà ad un accordo in maniera molto rapida.

Rabiot: “Chi non vorrebbe andare alla Juve?”

“Sì, i bianconeri mi hanno cercato. Ci stiamo parlando. L’Italia mi piace tanto – le parole di Rabiot riportate oggi dal Corriere dello Sport – Stare in questo posto è meraviglioso, ti riposi e ti rigeneri. Mi aspetta una stagione impegnativa. Stiamo valutando, non possiamo dire nulla. Ancora non so. La Juve è un grande club dove ogni bravo calciatore vorrebbe andare. Il Manchester United? Vale lo stesso. Devo decidere, per adesso sono in vacanza”.

Dopo Aaron Ramsey, dunque, la Juve potrebbe rafforzare ulteriormente il centrocampo con un altro calciatore in scadenza. Poi, però, ci sarà da cedere qualche esubero. Sami Khedira è il principale indiziato.